logo 2016

 

20th WORLD UNIVERSITY CHAMPIONSHIP CROSS COUNTRY 2016

CUS Anniversario

tesseramento atletica bianco2 canoa bianco2 nuoto bianco2 pallavolo bianco  pallamano bianco fitness bianco2 pallanuoto bianco fitness bianco2 cosscountry2016 bianco

Arriva il mese di aprile e in città, come ormai da oltre un quarto di secolo, fervono i preparativi in vista della “Maratona di Primavera”. L’evento, ormai appuntamento fisso della città di Cassino il 25 aprile di ogni anno, raggiunge quest’anno il traguardo dei 26 anni. Un’edizione con tante novità quella che il Cus Cassino del professor Carmine Calce sta mettendo a punto per lunedì 25 aprile 2016: come sempre saranno coinvolti migliaia di studenti di ogni ordine e grado – dalle scuole primarie a quelli dell’Università – e come sempre il via alla corsa sarà dato dalla villa comunale. Tutti i dettagli della 26esima edizione saranno svelati nel corso di una conferenza stampa di presentazione della kermesse sportiva il prossimo 18 aprile alle ore 10:30 presso la sala degli Abati in piazza Corte. Oltre al presidente Carmine Calce e a tutto lo staff del Cus Cassino, prenderanno parte alla conferenza stampa il sindaco di Cassino Giuseppe Golini Petrarcone, il rettore dell’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Giovanni Betta, l’assessore allo sport Danilo Grossi del comune di Cassino e l’abate di Montecassino dom Ogliari. Nell’occasione il professor Carmine Calce svelerà tutti i dettagli di questa edizione molto importante, che arriva all’indomani dei mondiali di cross country che lo scorso mese di marzo ha visto centinaia di atleti di tutte le nazioni correre al Campus. «I Campionati Nazionali Universitari del 2013 e i Cross Country di quest’anno sono stati sicuramente, per noi e per la città intera, una vetrina d’onore, e siamo fieri di esserli riusciti a portare a Cassino grazie al prezioso contributo dell’università. Ma la maratona di primavera è, e resta, il nostro fiore all’occhiello, per questo non potevamo certo metterla nel cassetto. Anzi – spiega il presidente Calce – la Maratona ha proprio il merito di aver dato impulso a tanti altri eventi sportivi come i Cnu e i mondiali di cross country tant’è che, proprio prendendo spunto da questa iniziativa ormai ultraventennale, da qualche anno ha preso il via anche la mezza maratona della città di Cassino». L’evento è organizzato in collaborazione con Fca, Skf, Exodus, Laziodisu, Coni, Camera di Commercio, Autostrade per l’Italia, cartiera Wepa e Banca Popolare del Cassinate. Oltre al patrocinio del Comune e dell’Università la kermesse del Cus si avvale anche del vessillo del Consiglio Regionale del Lazio. Il 25 aprile l’appuntamento come sempre è alle otre 9 alla villa comunale per percorrere insieme i 6 chilometri. Si attendono come sempre oltre 5 mila partecipanti.

memorialcoiana1Una grande giornata di sport, divertimento e ricordi in memoria dell’indimenticato presidente del Cusi Leonardo Coaiana a due anni dalla sua prematura scomparsa, l’11 febbraio del 2014. A promuovere il “commemoration day” è stato il presidente del Cus Cassino Carmine Calce che ha coinvolto tutti i Cus della regione Lazio – Viterbo, Roma e Tor Vergata – per un quadrangolare di calcio a cinque presso i nuovissimi impianti del Campus Folcara. Ad aggiudicarsi il torneo è stato il Cus Roma-Sapienza nella finalissima contro il Cus Tor Vergata. I padroni di casa – nonostante l’ottima performance del presidente Calce e del rettore Giovanni Betta – si sono dovuti accontentare del gradino più basso del podio pari merito con il Cus Viterbo che l'anno scorso aveva invece vinto il quadrangolare. Le premiazioni si sono svolte poi all’interno degli impianti sportivi delle residenze di Laziodisu. Il Magnifico e il presidente del Cus Cassino hanno evidenziato lo stretto rapporto che “Lilli” – così amavano chiamarlo i suoi amici – aveva instaurato con l’Università di Cassino in occasione dei Cnu del 2013. «Per noi è stato un grande esempio, eravamo uniti da un rapporto di profonda stima» ha spiegato il presidente Calce. Il segretario generale Dima ha raccontato un aneddoto relativo alla notte tra il 10 e l’11 febbraio del 2014: Lilli Coiana sarebbe spirato da lì a poche ore, ma la sera del 10 febbraio chiamò Dima per assicurarsi che le attività del Cusi proseguissero con intensa attività, compresa la programmazione del sopralluogo a Cassino in vista dei mondiali di corsa campestre del prossimo anno. Sempre il segretario Dima si è poi complimentato con il presidente Calce per l’organizzazione del commemoration day. Il numero uno del Cus Cassino ha incassato i complimenti e ha spiegato perché da parte sua, e del centro universitario sportivo della città martire era necessario organizzare per il secondo anno consecutivo tale evento. «Per noi Coiana non ha rappresentato solo il presidente del Cusi, ma molto, molto di più. Lilli – spiega il presidente del Cus Cassino – per noi era anzitutto un grande amico. Sotto la sua presidenza sono iniziati i primi sopralluoghi per i mondiali di corsa campestre che si terranno il 12 marzo, per questo certamente anche in quell’occasione riserveremo un ulteriore tributo a Lilli».

conferenzastampacomemorialcoianaCommemoration day per ricordare Leonardo Coiana, storico presidente del Centro Universitario Sportivo Italiano, a due anni dalla sua prematura scomparsa. Il Centro Universitario Sportivo di Cassino del professor Carmine Calce, su proposta del Cusi nazionale e regionale, ha organizzato per oggi, giovedì 11 febbraio un quadrangolare di calcio a 5 negli impianti sportivi del Campus Folcara per ricordare l’amico “Lilli”, venuto tristemente a mancare l’11 febbraio del 2014. Parteciperanno – oltre al Cus Cassino, che organizza ed ospita l’evento – anche il Cus Roma, Cus Tor Vergata e Cus Viterbo. Non saranno solo gli atleti a scendere in campo ma anche il personale docente, gli studenti e i rappresentanti dei tecnici e amministrativi dell’Ateneo. «Ci teniamo ad organizzare e ad ospitare questo evento perché per noi Coiana non ha rappresentato solo il presidente del Cusi, ma molto, molto di più. Lilli – spiega il presidente de Cus Cassino – per noi era anzitutto un grande amico. Una persona gentile, disponibile e sempre molto aperta alle nostre richieste. È stato anche e soprattutto grazie a lui – spiega Calce – se nel 2013 siamo riusciti ad ospitare i campionati nazionali universitari qui a Cassino: è stata l’ultima edizione dei Cnu a cui Lilli ha presenziato, per questo lo lega a al nostro ateneo e alla nostra città un forte legame. L’11 febbraio sarà quindi una giornata di sport, ma anche e soprattutto un momento di ricordo della figura umana e professionale di Lilli». Già nel mese di maggio del 2014, in occasione dell’assemblea nazionale del Cusi che ha incoronato l’attuale presidente Lorenzo Lentini, e che si è svolta nella città martire, in Abbazia si è svolta una messa per ricordare Coiana. Presenti, oltre al figlio, molti dirigenti sportivi, nonché l’ex rettore Attaianese che con il presidente Coiana ha lavorato in stretta sinergia proprio nel 2013 per l’organizzazione dei Cnu a Cassino. Il quadrangolare di oggi prenderà il via alle ore 15 con la partita tra Cus Roma e Cus Viterbo, dopodichè alle 16 sarà la volta della sfida Cus Cassino-Cus Tor Vergata e poi, alle 17:30, la finale.  Alle ore 19 all’interno del collage degli studenti del Campus la premiazione con il rettore Giovanni Betta, il presidente del Cusi Lentini, il segretario generale del Cusi Antonio Dima e Roberto Fabbricini del Coni. Interverrà anche il sindaco di Cassino Petrarcone. Ma la giornata di oggi, non si caratterizzerà solo per il “Commemoration Day Lilli Coiana”. La giornata prenderà il via già alle 11 nell’aula magna del Campus Folcara quando il presidente del Cus Carmine Calce, insieme al rettore Giovanni Betta e al presidente del comitato organizzatore Ciro Attaianese illustrerà nel dettaglio il percorso dei mondiali di cross country che si svolgeranno il prossimo 12 marzo. Anche in questa occasione ci sarà un ricordo di Coiana che nel 2013 ha presenziato alla prima conferenza stampa dei cross country quando c’è stata l’assegnazione ufficiale dei mondiali all’Università di Cassino da parte della Fidal.

 

 

MARRAKECHIl Cus Cassino brilla alla ventisettesima edizione della mezza maratona internazionale di Marrakech. Oltre 6500 atleti provenienti da tutto il mondo si sono cimentati in una delle più prestigiose maratone del globo. Clima ideale e temperato, con il percorso considerato uno dei più veloci e suggestivi di tutte le maratone internazionali lungo palmeti, uliveti, giardini e lungo i bastioni delle rosse mura che circondano Marrakech; il verde delle piante, il rosso della kasbah e delle abitazioni hanno fatto da contrasto con l'azzurro del cielo e le montagne con le cime innevate del Toubkal; inoltre Marrakech è a 500 metri di altitudine pertanto l’aria tersa e pura ha consentito agli atleti di respirare meglio e godere di questa meraviglia del Maghreb. In questa cornice il Cus Cassino ha ben figurato con i suoi atleti. Il professor Carmine Calce tra i maratoneti ha schierato Tullio Di Zazzo con moglie e figlia (Maria Teresa Lancia e Giorgia Di Zazzo) che ha riportato un tempo di 2h37'18 ; Giovanni Valente 1h39'22; Raffaele Fraioli 2h16'; l’ex rettore Ciro Attaianese 2h17'55; Gregorio Tibaldi 1h45'30; Giovanna Biondino 1h45'28; Augusto Terranova 2h23'56; Sergio Calce 1h32'20 (558/6000); Andrea Calce 2h35'; Valentino Panaccione 1h41'20; Mario Venturino 1h41'10; Roberto Molle 2h17'55; Massimo Conte 1h55'37. Ospiti, due atleti della società Aprocis : Roberto Cassone 1h24'54 e Renato Bocchino, l’ unico che ha fatto l intera maratona, con un tempo di 3h32'52. Ottima anche la prestazione del presidente del Cus Carmine Calce 2h 27', che così commenta l’iniziativa: «Il nostro obiettivo primario era, ed è, quello di coinvolgere gli studenti : possiamo dire che pian piano ci stiamo riuscendo sempre di più, anche se – ovviamente - ci auguriamo sempre una più ampia partecipazione». Intanto, archiviata anche la mezza maratona, il Cus lavora già ai prossimi appuntamenti: in primis i mondiali di cross country che la città martire ospiterà il 12 marzo. E sempre a marzo, domenica 6, i tedofori del Cus accenderanno la fiaccola benedettina.

tennistavoloUn successo il torneo di tennistavolo che si è svolto nei giorni scorsi nei locali dell'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale. Promotore dell'iniziativa rivolta agli studenti delll'ateneo cassinate (compresi gli Erasmus) è stato come sempre il Centro Universitario Sportivo del professor Carmine Calce. In prima linea nell'organizzazione il delegato del Cus Fabio Monfreda. Due i tornei andati in scena: uno maschile, l'altro femminile. Nel corso delle gare molti sono stati gli studenti che hanno affollato la sala dove i ragazzi si sono datti battaglia a colpi di.... ping-pong! A trionfare nella categoria maschile è stato Marco Costantini. Sul podio sono poi saliti – rispettivamente al secondo e al terzo posto – Matteo Nobili e Scorrano. Tra le ragazze ha trionfato invece una studentessa Erasmus: Nguyen Ha Vu; la medaglia d'argento è andata a Maria Ugaldi. La cerimonia di premiazione si terrà giovedì 11 febbraio nell'aula magna del campus Folcara al termine della conferenza stampa di presentazione dei cross country 2016. Soddisfatto dell'esito dell'iniziativa si dice il delegato del presidente del Cus Carmine Calce, Fabio Monfreda. “Ancora una volta – argomenta Monfreda – abbiamo dimostrato che il Centro Universitario Sportivo è sensibile alle richieste degli studenti. Con eventi come questo del torneo di tennistavolo il Cus sensibilizza gli studenti alle attività sportive”. Il presidente del Cus fa sue le parole di Alessandro Zanardi: “Ci si può drogare di cose buone. E una di queste è certamente lo sport”.

footer def