logo 2016

 

20th WORLD UNIVERSITY CHAMPIONSHIP CROSS COUNTRY 2016

CUS Anniversario

tesseramento atletica bianco2 canoa bianco2 nuoto bianco2 pallavolo bianco  pallamano bianco fitness bianco2 pallanuoto bianco fitness bianco2 cosscountry2016 bianco

I campionati nazionali universitari si avvicinano e il Cus Cassino viaggia a gran velocità. Quest’anno le fasi finali dei Cnu – che Cassino ha ospitato nel 2013 e che intende bissare nel 2020 – si disputeranno a Catania e la compagine del professor Carmine Calce intende portare a casa un bel po’ di medaglie. A far ben sperare sono soprattutto le formazioni di volley femminile e calcio a cinque maschile che viaggiano a tutta velocità verso Catania. Per quanto riguarda la pallavolo le ragazze di Carmine Calce nella giornata di martedì hanno battuto 3 a 2 il Cus Foro Italico mentre i ragazzi del calcio a cinque hanno espugnato Tor Vergata con un risultato tennistico: 1 a 7. Nelle fase preliminari dei Cni, insomma, queste due squadre stanno ottenendo ottimi risultati: sempre nel calcio a 5 il Cus Cassino la scorsa settimana era riuscito a strappare un pareggio d’oro con il corsaro Siena. “I miei complimenti vanno a entrambe le squadre”, commenta con entusiasmo il professor Carmine Calce che punta molto su queste due formazioni per i Cnu di Catania. Per la formazione di calcio a cinque sono scesi in campo: Francesco Di Fonzo, Matteo Pannozzo, Daniele Fusco, Diego Polselli, Alessandro Mercone, Alessio Patriarca, Mattia Izzo, Simone Cretella e Mariano Carcatella. Queste invece le "eroine" del volley femminile: Ilaria Pagliaroli, Noemi Pantano, Alessia De Luca, Martina Cancelli, Jola Dakas, Sara Marini, Chiara Ottaviani, Martina Tedeschi, Vanessa Massaro e Ilaria D'Annunzio. Intanto in questi giorni il Cus Cassino è impegnato anche con l’accensione della fiaccola benedettina che i tedofori del Centro Universitario Sportivo faranno brillare a Bruxelles, nella sede del Parlamento Europeo. Da mercoledì 8 marzo a sabato 11 la Fiaccola farà tappa in Belgio, a Bruxelles, capitale amministrativa d’Europa, dove sarà accolta dal Presidente del Parlamento Europeo; poi farà tappa al Governo Belga e dal Municipio di Bruxelles. “Porteremo la fiaccola benedettina nel cuore dell’Europa sia dal punto di vista geografico che istituzionale. – ha detto il Sindaco di Cassino Carlo Maria D’Alessandro - Saranno dei momenti intensi anche perché insieme ai Sindaci di Norcia e Subiaco sottoscriveremo il patto di fratellanza che ci legherà per gli anni a venire. Non esistono steccati, frontiere, ma solo tre entità unite nel nome del fondatore della Regola, nato in una splendida città che dovrà risorgere dalle macerie, ma che non sarà mai sola. Avremo l’onore di ufficializzare il patto di gemellaggio dinanzi al Presidente del Parlamento Europeo, l’amico Antonio Tajani che controfirmerà anche lui la carta che unirà la città di Cassino a Norcia e Subiaco”. “Quest’anno è stato scelto il ‘cuore’ dell’Europa perché nel 2017 il Marzo Benedettino coincide con il 60esimo anniversario dei Trattati di Roma”, spiega il presidente del Cus Carmine Calce che con i suoi tedofori provvederà all’accensione della fiaccola come ormai da tradizione consolidata.

stella di bronzoL’impegno ultraventennale sul territorio del professor Carmine Calce per promuovere lo sport è stato premiato dal presidente del Coni Lazio Riccardo Viola. “Con grande felicità – si legge nella nota di Giovanni Malagò letta al Campus in occasione del conferimento dell'onoreficenza - il Coni ti ha conferito la stella di bronzo al merito sportivo per l’anno 2015 in riconoscimento delle benemerenze acquisite nella tua attività dirigenziale”. Un vero trionfo per il numero uno del Centro Universitario Sportivo che da sempre è in prima linea per sensibilizzare giovani e meno giovani alle discipline sportive. Prim’ancora dei record su pista, il professor Calce e il Cus Cassino hanno insegnato che bisogna battere i record in città, per far sì che attraverso lo sport si riscopra il senso di comunità. Una sfida che il numero uno del centro sportivo porta avanti ogni giorno fuori e dentro l’Università. “Con questa onoreficenza – prosegue infatti la missiva di Malagò – l’organizzazione sportiva nazionale, oltre che attestare le tue capacità e i risultati conseguiti in tale attività, desidera anche esprimerti profonda riconoscenza per la generosa collaborazione e l’impegno dedicato allo sport in tanti anni di servizio. Mi congratulo profondamente con te, augurando che nel prosieguo dell’attività dirigenziale possa conseguire ulteriori traguardi e soddisfazioni”. Il presidente Carmine Calce, visibilmente emozionato, ha voluto condividere tale importante riconoscimento in primis con la sua famiglia, e poi con tutta la “grande famiglia” del Cus Cassino, che nel 2016 ha compiuto trent'anni e che dal 1986 è gestito dal professor Calce. A testimonianza che il riconoscimento che gli è stato consegnato venerdì pomeriggi è stato un punto di partenza, e non un punto di arrivo, le attività del Cus Cassino proseguono a tambur battente: domenica 26 febbraio al Campus si sono svolti i campionati regionali assoluti di cross con oltre 1.200 atleti della regione Lazio e non solo. Il presidente del Centro Universitario Sportivo, professor Carmine Calce, ringrazia il rettore Betta e il direttore Capparelli per la disponibilità della struttura e dell’atrio del rettorato e, ancora una volta, mette in luce come l’Unicas sia sensibile alle varie attività e gare sportive organizzate dal Cus. L’evento di domenica prenderà il via alle ore 10 con le promesse senior maschile, poi gli juniores, quindi gli allievi (e le allieve per le gare femminili), infine esordienti, ragazze, ragazzi, cadetti e cadette. E non è tutto. Dopo la consegna della mascotte dell'evento a Papa Francesco mercoledì, durante l'udienza in Vaticano quando il Pontefice ha benedetto la fiaccola benedettina, martedì prossimo (28 febbraio alle ore 10:30) ci sarà la conferenza stampa di presentazione di assegnazione delle EBT Finals, ovvero le finali del Beach Handball Tour disputato nella stagione 2015/2016, quali si terranno nella città di Gaeta dal 26 al 28 Maggio 2017 organizzate dal Centro Universitario Sportivo di Cassino. Alla conferenza, oltre al presidente del Cus Cassino Carmine Calce, prenderanno parte il Magnifico rettore dell'Unicas Giovanni Betta e il suo delegato alle attività sportive, l'olimpionico Daniele Masala. I sindaci di Cassino e Gaeta D'Alessandro e Mitrano, il presidente della BpC Donato Formisano, il commissario straordinario di Laziodisu Carmelo Ursino, il Dg dell'ateneo Antonio Capparelli, il presidente del Coni Lazio Riccardo Viola e Francesco Purromuto, presidente Figh. Poi i tedofori del Cus continueranno il loro tour per far brillare la fiaccola benedettina anche al Parlamento Europeo: fiaccola che, il 19 marzo, tornerà a Cassino. E intanto proseguono a ritmo serrato anche le altre attività, in vista dei Cnu di Catania. Nei giorni scorsi la palestra Unifitness gestita dal Cus ha ospitato il tirocinio di scherma.

fiaccola benedettina cus in vaticano 2015
Una maratona per Norcia. Quest'anno la tradizionale maratona di Primavera del 25 aprile organizzata come sempre dal Centro Universitario Sportivo sarà un omaggio ai "cugini" della città benedettina, che nei mesi scorsi è stata duramente colpita dal sisma. In questi giorni il presidente del Cus, in sinergia con l'ateneo e con il Comune di Cassino sta mettendo a punto l'evento ospitando alcune famiglie terremotate che parteciperanno alla gara e porteranno la loro testimonianza. Si pensa di organizzare un appuntamento ad hoc, oltre la maratona, ma i particolari saranno resi noti prossimamente. Quel che invece è certo è che una parte del ricavato della giornata andrà in beneficenza a Norcia. Dunque, visto che ogni anno partecipano circa 5.000 persone con una quota minima di 5 euro, Cassino si prepara a dare un altro, ulteriore contributo, dopo il concerto di beneficenza organizzato lo scorso 22 dicembre. Ma le iniziative del Cus Cassino non finiscono quì. I tedofori di Cassino, Norcia e Subiaco che quest'anno porteranno la fiaccola benedettina anche al Parlamento Europeo con una tre giorni a Bruxelles (9-12 marzo), dopodichè il 19 marzo la fiaccola sarà a Cassino e il giorno successivo a Montecassino. Prima di questi appuntamenti, però, i tedofori del Cus saranno ricevuti oggi, mercoledì 22 febbraio, da Papa Francesco che, appunto, benedirà la fiaccola. Quindi, prima del rientro a Cassino il 25 febbraio si andrà a Norcia e il 4 marzo a Subiaco. "Noi regaleremo al Pontefice - rivela il professor Calce - la mascotte dei campionati di Beach handball che si svolgeranno il prossimo mese di maggio e che, dopo la conferenza stampa a Gaeta, prossimamente saranno presentati anche a Cassino con appositi appuntamenti. “Partecipiamo tutti ad una grande giornata di festa” esorta il professor Carmine Calce riferendosi alla Maratona di Primavera che quest'anno assume un particolare rilievo. I particolari di questa ventisettesima edizione saranno svelati nelle prossime settimane nel corso di una apposita conferenza stampa, quando il presidente del Cus Carmine Calce avrà modo di comunicare ufficialmente il riconoscimento che il Coni gli conferirà nei prossimi giorni Di cosa si tratta? Di un grande riconoscimento al merito. L’ impegno ultraventennale del professore Calce sul territorio per promuovere lo sport verrà premiato dal presidente del Coni. “Con grande felicità – si legge nella nota di Giovanni Malagò recapitata nei giorni scorsi sulla scrivania del professor Calce – comunico che il Coni ti ha conferito la stella di bronzo al merito sportivo per l’anno 2015 in riconoscimento delle benemerenze acquisite nella tua attività dirigenziale”. Con questa onoreficenza – prosegue la missiva di Malagò – l’organizzazione sportiva nazionale, oltre che attestare le tue capacità e i risultati conseguiti in tale attività, desidera anche esprimerti profonda riconoscenza per la generosa collaborazione e l’impegno dedicato allo sport in tanti anni di servizio. Mi congratulo profondamente con te, augurando che nel prosieguo dell’attività dirigenziale possa conseguire ulteriori traguardi e soddisfazioni”.

 

Dopo la consegna della mascotte dell'evento a Papa Francesco mercoledì, durante l'udienza in Vaticano quando il Pontefice ha benedetto la fiaccola benedettina, martedì prossimo (28 febbraio alle ore 10:30) ci sarà la conferenza stampa di presentazione di assegnazione delle EBT Finals, ovvero le finali del Beach Handball Tour disputato nella stagione 2015/2016, quali si terranno nella città di Gaeta dal 26 al 28 Maggio 2017 organizzate dal Centro Universitario Sportivo di Cassino. Alla conferenza, oltre al presidente del Cus Cassino Carmine Calce, prenderanno parte il Magnifico rettore dell'Unicas Giovanni Betta e il suo delegato alle attività sportive, l'olimpionico Daniele Masala. I sindaci di Cassino e Gaeta D'Alessandro e Mitrano, il presidente della BpC Donato Formisano, il commissario straordinario di Laziodisu Carmelo Ursino, il Dg dell'ateneo Antonio Capparelli, il presidente del Coni Lazio Riccardo Viola e Francesco Purromuto, presidente Figh. L'evento è stato giò illustrato di recente al Castello di Gaeta ed enorme è stata la soddisfazione nell'apprendere la vittoria della candidatura da parte del Comune di Gaeta rappresentato dall'Assessore allo Sport Luigi Ridolfi. Si è trattato di una conferenza in cui grazie al Presidente Purromuto si sono ripercorsi anche gli albori de lBeach Handball, ovvero una disciplina nata proprio sulle spiagge e sulle isole pontine e che si è sviluppata a dismisura in questi anni arrivando alle soglie olimpiche, ed inoltre l'Italia con le sue nazionali (soprattutto a livello femminile) può vantare un palmares davvero importante. Nell'occasione il presidente del Cus Carmine Calce ha spiegato: “Vogliamo che questa non sia una manifestazione sportiva fine a se stessa, altrimenti non avremmo proprio accettato. Vogliamo che, così come abbiamo fatto per i Cnu nel 2013 a Cassino, la città di Gaeta possa avere una ricaduta infrastrutturale una volta che calerà il sipario sull'evento”. Il rettore Betta, in sintonia con Masala ha aggiunto: “Come Università faremo il possibile e l'impossibile per organizzare l'evento nel migliore dei modi”. Per questo si è deciso di tenere una conferenza stampa in ateneo a Cassino. E quelli in corso sono giorni carichi di impegni per il Cus Cassino: oggi, venerdì 24 febbraio, al presidente del Cus Calce verrà consegnata l'onoreficenza del Coni nell'aula magna dell'ateneo mentre poi domenica il Campus ospiterà i campionati regionali di cross. Poi i tedofori del Cus continueranno il loro tour per far brillare la fiaccola benedettina anche al Parlamento Europeo: fiaccola che, il 19 marzo, tornerà a Cassino. E intanto proseguono a ritmo serrato anche le altre attività, in vista dei Cnu di Catania. E nella giornata di ieri la palestra Unifitness gestita dal Cus ha ospitato il tirocinio di scherma.  

Il Cus Cassino si è aggiudicato la terza edizione del “commemoration day Lilli Coiana”, lo storico presidente del Cusi venuto tristemente a mancare l'11 febbraio del 2014. Il presidente del Cus Cassino Carmine Calce ogni anno ama ricordarlo con un quadrangolare di calcio a cinque nei campi del Campus Folcara dell'Università di Cassino. Oltre ai padroni di casa hanno preso parte alla competizione il Cus Roma, Cus Viterbo e Cus Tor Vergata. Nella prima partita il Cus Cassino ha battuto 7 a 5 il Cus Roma ed è approdato in finale contro il Cus Tor Vergata che ha battuto il Cus Viterbo. I padroni di casa, in ottima forma in vista dei Campionati Nazionali Universitari di maggio a Catania, nella finalissima hanno sconfitto l'altro ateneo romano (Tor Vergata, appunto) e si sono aggiudicati il trofeo. Le premiazioni sono avvenute nella hall del rettorato alla presenza del presidente del Cus Carmine Calce, del segretario generale del Coni Roberto Fabbricini, del segretario generale del Cusi Antonio Dima, del figlio del compianto Lilli Coiana e del rettore dell'Unicas Giovanni Betta. “I passi in avanti del Campus di Cassino sono notevoli. Il presidente Calce si circonda sempre di gente valida e questo è molto importante. É stato ed è molto fortunato in quanto ha avuto ed ha un rettore che è un uomo di sport e questo – ha spiegato il segretario generale del Cusi Dima – rende tutto molto più facile, per questo Cassino è all'avanguardia”. Gli ha fatto eco il segretario generale del Coni Fabbricini, che ha evidenziato: “Il Campus di Cassino è difficile eguagliarlo in altri atenei italiani. Il Cus Cassino ha fatto notevoli passi in avanti. Per questo – ha aggiunto – il Coni, che è sempre stato vicino al Cusi, intende rivedere le attività dei Cus da un punto di vista sportivo e da un punto di vista promozionale. Ci piacerebbe che i Cus tornassero ad essere delle polisportive che facessero attività federali in tante cose. I Cus sono un grande serbatoio di atleti, e non solo”. A ricordare il grande presidente Leonardo Coiana, oltre che il professor Calce, è stato ovviamente il figlio Nicola che, visibilmente emozionato, ha spiegato: “Tutta l'organizzazione del Cus Cassino ribadisce questo appuntamento annuale per ricordare mio padre, e questo a me non può che farmi enormemente piacere. Io esco dalla sua scuola, mi ha insegnato tante cose. É vero che lui purtroppo non c'è più però sicuramente sono rimaste “in campo” le sue idee, portate avanti molto bene a partire proprio dal Cus Cassino e dal presidente Calce”. Il rettore Giovanni Betta ha chiosato: “Io non ho avuto modo di conoscere Lilli Coiana, ma dai racconti mi sembra ormai di conoscerlo da sempre: Carmine mi ha detto che è stato per merito suo se nel 2013 abbiamo ospitato i Cnu qui a Cassino e solo questo basta per omaggiare ogni anno Coiana, così come stiamo facendo ogni anno”. Il “commemoration day” è stata anche l'occasione per guardare in avanti, tant'è che il presidente Calce ha rilanciato l'idea di ospitare nuovamente a Cassino i Cnu nel 2020. Il segretario del Cusi Dima ha palesato tutta la sua disponibilità: “Intanto terremo il congresso del Cusi qui a Gaeta il prossimo mese di maggio", ha ribadito. Poi ha concluso: "Le candidature per i Cnu nel 2020 sono ancora aperte. La prima volta, nel 1998, sono andati molto male; al contrario, nel 2013, sono stati un grande successo. E io sono certo che questo successo si potrà bissare nel 2020: il Cusi è a disposizione”.

 

View the embedded image gallery online at:
http://www.cuscassino.it/cus-new/eventi?start=35#sigProIdd26f878a38

footer def