logo 2016

 

20th WORLD UNIVERSITY CHAMPIONSHIP CROSS COUNTRY 2016

CUS Anniversario

tesseramento atletica bianco2 canoa bianco2 nuoto bianco2 pallavolo bianco  pallamano bianco fitness bianco2 pallanuoto bianco fitness bianco2 cosscountry2016 bianco
×

Attenzione

JFolder: :files: Il percorso non è una cartella. Percorso: /web/htdocs/www.cuscassino.it/home/cus-new/images/EUROPEAN BEACH HANDBALL TOUR FINALS

×

Notice

There was a problem rendering your image gallery. Please make sure that the folder you are using in the Simple Image Gallery Pro plugin tags exists and contains valid image files. The plugin could not locate the folder: images/EUROPEAN BEACH HANDBALL TOUR FINALS

EBT Finals 2017: Le 20 migliori squadre d'Europa pronte a regalare un beach handball spettacolare sulla sabbia di Serapo.

Meno tre. Scatta il conto alla rovesca in vista delle EBT Finals, finali del campionato europeo a tappe (tour) di beach handball. La tre giorni organizzata dal Cus Cassino e che si terrà a Gaeta il prossimo weekend (26, 27 e 28 maggio) è stata illustrata nei giorni scorsi in un'apposita conferenza stampa presso l'Aula Consiliare del Comune di Gaeta, istituzione anch'essa organizzatrice assieme al CUS Cassino, l'Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale e del Cus Cassino Gaeta Handball '84 di coach Antonio Viola di un evento internazionale quale vedrà la città di Gaeta come protagonista. Sarà, infatti, proprio la città tirrenica ad accogliere le 20 migliori squadre di Beach Handball (pallamano su spiaggia) d'Europa provenienti da ben 12 nazioni e che la caratteristica cittadina pontina ospiterà nei giorni 26-27-28 Maggio 2017 nelle varie strutture alberghiere e ricettive della città e sui campi del litorale di Serapo. Alla conferenza stampa sono intervenuti, tra gli altri, il Sindaco della Città di Gaeta Cosimino Mitrano, il magnifico rettore dell'Università di Cassino Giovanni Betta, il neo-presidente della FIGH Pasquale Loria ed il Presidente della Banca Popolare del Cassinate Donato Formisano. Per il neo-presidente della FIGH Pasquale Loria “le EBT Finals in programma a Gaeta dal 26 al 28 maggio prossimi rappresentano per il Beach Handball un inequivocabile ritorno alle origini. Del resto, l’Italia ha giocato un ruolo chiave nella nascita di questo Sport, di questo tour europeo e dei Campionati Europei per nazioni. E quando dico Italia, dico anche e soprattutto Gaeta: qui, infatti, nel 2000 si è disputata l’edizione inaugurale degli Europei e qui, dove il Beach Handball e la Pallamano di alto livello sono di casa, si affronteranno i 20 migliori club d’Europa”. Saranno 12 le nazioni rappresentate e tra queste non mancherà l’Italia, che al maschile scenderà in campo coi ragazzi di casa del CUS Cassino e al femminile con una selezione di atlete, sotto il nome di FIGH Futura Roma, per uno step di preparazione fondamentale e di altissimo livello in vista degli Europei di Giugno in Croazia. Grande spettacolo, divertimento e sano agonismo, allora, costituiranno il mix vincente per dare vita ad un evento internazionale di altissimo livello. E tutto in Italia. “Un avvenimento, questo – ha aggiunto il presidente del Cus Carmine Calce - che onora me, l'Università di Cassino e che deve rappresentare elemento d’orgoglio per tutto il Movimento della Pallamano italiana” Un grazie a tutti quanti hanno lavorato e stanno lavorando all’organizzazione di un evento così prestigioso è giunto dagli altri relatori, in pèrimis coach Viola. Il rettore Betta ha chiosato: “Sono certo che una location suggestiva come Gaeta, unita alla spettacolarità di una disciplina in enorme ascesa come il Beach Handball, conquisteranno il grande pubblico per una EBT Final che si rivelerà indimenticabile. Buon divertimento a tutti!”

Queste le compagini (10 al maschile e 10 al femminile) che parteciperanno all'importante evento EHF (European Handball Federation), quale aprirà la stagione 2017 per quanto riguarda i top-events organizzati dalla Federazione Europea di Pallamano:

Categoria Maschile:

G.A.S. KILKIS AKROPOLIS / Grecia – campioni in carica

Salgótarjáni Strandépítok BHC / Ungheria

DETONO ZAGREB / Croazia

CBMP Ciudad de Málaga / Spagna

TSHV Camelot / Olanda

SC Ekaterinodar / Russia

BHC Beach & Da Gang Münster / Germania

BHT AUTO FORUM PETRA PLOCK / Polonia

Os Gordos/Labminho - Clube Naval de Leça / Portogallo

CUS Cassino/ Italia Wild card

Categoria femminile:

Agenta Girls aka Multichem Szentendrei N.K.E. / Ungheria - campionesse in carica

Westsite Amsterdam / Olanda

WBHC Kontesa Nera / Croazia

OVB Beach Girls® / Ungheria

Club Balonmano Playa Algeciras / Spagna

KS Red Hot Czili Buk / Polonia

Beachqueens / Svizzera

Cannabis Energy Drink – Kanonierky / Slovacchia

A.C.Spartacus Goalbet / Grecia

Figh Futura Roma/ Italia Wild card team

 

{gallery}EUROPEAN BEACH HANDBALL TOUR FINALS{/gallery}

Maglietta, cappellini e scarpette. Il kit è pronto. E, chi non ne fosse dotato, può farlo martedì mattina dalle 9 in poi all’interno della villa comunale.  Quindi, alle 10:30, partirà la 27esima edizione della maratona di primavera. La storica kermesse, che ormai da oltre un quarto di secolo caratterizza il 25 aprile di Cassino, anche per il 2017 attende almeno 5mila presenze. “Perché i sei chilometri di corsa  - ha spiegato ieri il presidente del Cus Carmine Calce nel corso della conferenza stampa nella sala degli Abati - non sono riservati solo agli sportivi, ma soprattutto alle famiglie e ai piccoli, per permettere loro di fare una piacevole passeggiata lungo le strade del centro. Il serpentone farà ritorno nella villa comunale alle ore 12:30 circa, e quindi prenderà il via la grande festa con balli, canti e animazione per i più piccoli. Sarà possibile trascorrere tutta la giornata all’interno del polmone verde della città martire con tante iniziative a corredo. La kermesse, organizzata dal Cus Cassino, ha il patrocinio oltre che dell’Università, del Comune e dell’Abbazia, anche della Regione Lazio e di atnti altri enti del territorio.  Come sempre, a sostegno dell’iniziativa, c’è il partner che da sempre sostiene tutte le attività culturali e sportive in città, ovvero il locale istituto di credito, la Banca popolare del Cassinate. “Partecipiamo tutti ad una grande giornata di festa” ha esortato il sindaco D’Alessandro che è al suo debutto alla maratona. Il professor Calce ha invece evidenziato come anche quest’anno lo slogan della kermesse è un augurio di cui oggi si sente particolarmente bisogno: “Facciamo fiorire la pace nella città per il mondo”.  Sempre ieri nel corso della conferenza stampa alla presenza di tante istituzioni - oltre al sindaco e al rettore, il consigliere delegato allo sport Di Mambro, l’assessore Leone e l’onorevole Marino Fardelli - sono state illustrate le tante novità della 27esima edizione. “Quest’anno - ha annunciato Calce - la tradizionale maratona di Primavera del 25 aprile organizzata come sempre dal Centro Universitario Sportivo sarà un omaggio ai "cugini" della città benedettina, che nei mesi scorsi è stata duramente colpita dal sisma. Un'altra novità di quest'anno, inserita all'interno della giornata, è il trofeo “diversamente uniti, diversamente in marcia: crescere e camminare per fraternizzare”. Anche questa novità è stata rivelata ieri nel corso della presentazione della 27esima edizione: “Si tratta - ha concluso Calce - di un modo per far sì che la maratona non sia solo sport, ma anche attenzione al sociale. Noi come Cus – ricorda – siamo molto sensibili a tale tematica. C'è una profonda sinergia con la comunità Exodus e negli scorsi anni abbiamo portato la maratona anche in carcere”.

corso assistente bagnanteCome ogni anno grazie alla collaborazione del Cus Cassino e la scuola nuoto Federale della piscina Azzurra prende il via il corso di assistente bagnanti 2017. La formazione dei ragazzi verrà curata dai Maestri di Salvamento Mario Carlino e Fabio Tacca. Si possono ottenere maggiori informazioni anche contattando direttamente il Maestro Mario Carlino al numero telefonico 3388619462. E proprio il Maestro del Cus Cassino ci illustra nello specifico tale figura: l’assistente bagnanti è lo specialista che veglia sulla sicurezza di chi frequenta piscine e stabilimenti balneari marini o lacuali, capace ed esperto negli interventi di soccorso di chi si trova in situazione di pericolo in acqua. Sue funzioni specifiche sono: prevenire gli incidenti in acqua con una sorveglianza attenta e intelligente; farvi fronte quando avvenuti mettendo in atto quelle tecniche di salvataggio e di primo soccorso acquisite nel corso di formazione e periodicamente aggiornate regolare le attività di balneazione vegliando sul comportamento degli utenti; applicare e far rispettare le ordinanze della Capitaneria o il regolamento della piscina e verificare periodicamente la chimica delle acque nelle piscine e le condizioni igieniche dell'ambiente. Le competenze acquisite nel corso di formazione gli consentono di intervenire in modo adeguato per praticare il primo soccorso, anche in caso di asfissia e arresto cardiaco. Il suo lavoro richiede disponibilità per trattare con il pubblico, capacità di rimanere vigile anche quando (grazie anche alla sua azione preventiva) "non succede nulla", ma anche di dar prova di tutta la sua determinazione e competenza nelle situazioni di emergenza. Può essere considerato un avamposto di “Protezione civile”, essendo istituzionalmente l’esperto della prevenzione (avendo le conoscenze utili per valutare cambiamenti nelle condizioni meteo, per prevedere gli sviluppi perniciosi di situazioni a rischi) e il primo addestrato a intervenire in caso di emergenza, anche con manovre “salvavita”. Apposite leggi e circolari ministeriali prevedono la figura dell’Assistente Bagnanti, ne stabiliscono la presenza obbligatoria in ogni struttura di balneazione aperta al pubblico, riconoscono la particolare competenza della FIN nella formazione degli stessi, la validità del titolo FIN per il disimpegno dell’attività, stabiliscono il numero di operatori necessari in funzione delle caratteristiche dell’impianto. Recente la firma del protocollo d’intesa tra Ministero e FIN per l’inserimento della materia ambientale nel corso di formazione: gli Assistenti Bagnanti costituiranno importante supporto alla salvaguardia dell’ambiente. Tale brevetto, inoltre, lascia crediti formativi e arricchisce il curriculum di chi si prepara ad affrontare qualsiasi concorso ministeriale. Soddisfatto dell’iniziativa si dice il presidente del Cus Cassino, professor Carmine Calce, che loda l’operato dei Maestri e sottolinea l’importanza di questi corsi.

Una maratona per Norcia. Quest'anno la tradizionale maratona di Primavera del 25 aprile organizzata come sempre dal Centro Universitario Sportivo sarà un omaggio ai "cugini" della città benedettina, che nei mesi scorsi è stata duramente colpita dal sisma. Il presidente del Cus, in sinergia con l'ateneo e con il Comune di Cassino sta mettendo appunto l'evento: particolari saranno resi noti nel corso della conferenza stampa che si terrà domani, venerdì 21 aprile alle ore 10.30 nella sala degli Abati in piazza Corte. Interverranno – oltre ovviamente al presidente del Cus Carmine Calce – l'abate Ogliari, il sindaco D'Alessandro, il rettore Betta, il direttore generale dell'ateneo Capparelli, il presidente del comitato per lo sport Daniele Masala e poi sarà presente Donato Formisano, presidente della Banca Popolare del Cassinate che testimonia la sua vicinanza e la sensibilità all'iniziativa essendo main sponsor anche di questa ventisettesima edizione. La maratona poi, come sempre, ci sarà il 25 aprile: da oltre un quarto di secolo infatti il giorno della Liberazione a Cassino fa rima con i 6 km che percorrono grandi e piccini. Lo start e l'arrivo sono previsti come sempre nella villa comunale dove si attendono oltre 5.000 persone per donare a Norcia almeno 10.000 euro (andranno infatti in beneficenza 2 euro). Un'altra novità di quest'anno, inserita all'interno della giornata, è il trofeo “diversamente uniti, diversamente in marcia: crescere e camminare per fraternizzare”. Anche questa novità sarà illustrata venerdì nel corso della presentazione della 27esima edizione, ma il presidente del Cus Carmine Calce già spiega che “si tratta di un modo per far sì che la maratona non sia solo sport, ma anche attenzione al sociale. Noi come Cus – ricorda – siamo molto sensibili a tale tematica. C'è una profonda sinergia con la comunità Exodus e negli scorsi anni abbiamo portato la maratona anche in carcere. “Facciamo fiorire la pace nella città per il mondo” del resto – conclude Calce - è da 25 anni lo slogan della maratona di primavera. E la pace, come lo sport, si inizia a praticare in casa. Lo sport si rivela, senza dubbio, un metodo molto efficace per conseguire la pace, perché va oltre qualsiasi differenza di lingua, razza, religione o opinione politica”.

Le cassinati incappano in una prestazione opaca e non riescono a centrare le finali nazionali
Le padrone di casa giocano meglio e battono 3-0 le universitarie cassinati
L’AQUILA – Dopo la bella prova contro il forte CUS Foro Italico, alle ragazze del CUS Cassino non riesce l’impresa di trovare la vittoria esterna sul campo del CUS L’Aquila e perde per un soffio la possibilità di qualificazione alle finali nazionali. Arrivate in quel de L’Aquila con la formazione quasi al completo, con l’unico neo di avere un solo centrale di ruolo, la formazione cassinate scende in campo contro le locali che già lo scorso anno, e con lo stesso organico, riuscirono a centrare l’obiettivo di arrivare alla fase finale dei campionati nazionali universitari. Nel primo set dell’incontro a partire bene è proprio la formazione cassinate, grintosa e determinata a cercare la vittoria che porterebbe il CUS Cassino a una storica qualificazione alle finali di categoria. Poco prima della metà del set però, il CUS Cassino si inceppa, alcuni automatismi vengono meno e la difesa inizia a balbettare, così come la ricezione. A questo punto per la regia cassinate diventa difficoltoso imbastire azioni pericolose, e il CUS L’Aquila inizia a fare la voce grossa, finendo con l’imporsi per 25-13 nel primo tempo di gioco. Nel secondo parziale lo staff cassinate prova a dare una scrollata alle ragazze, ma ad avere uno sprint migliore è stavolta la formazione di casa, che trova un turno al servizio devastante da parte dei suoi attaccanti e fugge via nel punteggio, con le cassinati che, nonostante le provino tutte per rimanere in partita, devono ancora una volta cedere il passo alle locali, che fanno loro anche il punto del 2-0 dopo un set quasi a senso unico terminato sul 25-15. La terza frazione di gioco vede le ospiti del CUS Cassino scendere in campo con gli animi già bassi e un po’ rassegnati. Il CUS L’Aquila sicuramente ha qualcosina in più rispetto alle cassinati, ma le ospiti pagano a prezzo fin troppo caro una giornata non troppo positiva a livello prestativo. Nel terzo parziale la formazione cassinate gioca a tratti una buona pallavolo, ma L’Aquila ne ha di più, soprattutto a livello emotivo, e così il CUS Cassino patisce il gioco spumeggiante delle locali e accusa molte lunghezze di svantaggio nello score. Il set termina con un parziale più severo di quanto non si sia visto in campo, con il tabellone che sancisce la fine della contesa con il punteggio di 25-13 e di 3-0 nel computo dei set vinti. L’Aquila accede così alla fase finale dei Campionati Nazionali Universitari, mentre Cassino deve rimandare ancora quest’appuntamento, consapevole del fatto che, aggiungendo qualche aggiustamento a questa formazione, si potrà essere sempre più competitivi.

footer def