logo 2016

 

20th WORLD UNIVERSITY CHAMPIONSHIP CROSS COUNTRY 2016

CUS Anniversario

tesseramento atletica bianco2 canoa bianco2 nuoto bianco2 pallavolo bianco  pallamano bianco fitness bianco2 pallanuoto bianco fitness bianco2 cosscountry2016 bianco

La conferenza stampa di presentazione della mascotteBeach Handball: Le Finali Ebt hanno la mascotte, si chiama Sandy e già sta viaggiando per l'Europa
Dal 26 al 28 Maggio sarà possibile "incontrare" il simpatico polpo a Gaeta
Le Finali del Tour Europeo di Beach Handball della stagione 2016,meglio denominate come "Ebt Finals",quali si terranno a Gaeta sulla bellissima spiaggia di Serapo dal 26 al 28 Maggio 2017,hanno la propria mascotte che sta già riscuotendo molto successo.
Si tratta di un simpatico polpo, vista la grande attività marinaresca e la presenza nella maggior parte della cucina della cittadina gaetana, al quale gli organizzatori del Cus Cassino - Gaeta Handball '84 insieme agli studenti dell'Università di Cassino e del Lazio Meridionale hanno dato il nome di Sandy (derivante da sand,ovvero sabbia) visto che stiamo trattando di "pallamano su spiaggia".
L'evento di richiamo internazionale vedrà le migliori 20 squadre qualificate (10 al maschile e 10 al femminile) provenienti dalla maggiorparte dei paesi d'Europa che presso l'Arena Beach di Serapo si contenderanno il titolo di campione d'Europa di Club.
Sandy ha iniziato il suo viaggio e come prima tappa è sbarcata direttamente tra le mani del Santo Padre che in occasione della fiaccola benedettina ha anche benedetto il simpatico peluche octopode ed inoltre Papa Francesco (nella foto con l'atleta del CUS Cassino,Flaminia Calce) ha tenuto per sè il dono ricevuto dal Cus Cassino.
Il presidente del Cus Cassino,Carmine Calce:"Lo scorso 18 gennaio abbiamo ottenuto l'ok alla mascotte, che è stata ideata da Flaminia Calce e altri studenti dell'Unicas, quindi in occasione dell'accensione della fiaccola benedettina in Vaticano abbiamo consegnato un esemplare a Papa Francesco, che siamo certi è di buon viatico per l'evento che si terrà a Gaeta dal 26 al 28 maggio prossimi".
Poteva fermarsi qui il viaggio di avvicinamento alle EBT Finals 2017 della simpatica Sandy?
Certo che no,dopo essere stata benedetta da Papa Francesco nell'udienza generale di Mercoledì 22 Febbraio,Sandy è infatti atterrata anche in Belgio ed è stata accolta a Bruxelles dal Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani,in occasione della tappa belga per la fiaccola benedettina.
Da mercoledì 8 marzo a sabato 11 la Fiaccola ha fatto tappa in Belgio, a Bruxelles, capitale amministrativa d’Europa, dove è stata appunto accolta dal Presidente del Parlamento Europeo; per poi fare tappa al Governo Belga ed al Municipio di Bruxelles.
“Quest’anno è stato scelto il ‘cuore’ dell’Europa perché nel 2017 il Marzo Benedettino coincide con il 60esimo anniversario dei Trattati di Roma”, spiega il presidente del Cus Cassino Carmine Calce che con i suoi tedofori ha provveduto all’accensione della fiaccola come ormai da tradizione consolidata.
Sandy sarà la mascotte dell'evento internazionale che legherà le migliori 20 compagini (10 maschili e 10 femminili) provenienti da quasi tutta Europa e non vi era occasione migliore per unire ancora una volta sport,integrazione e globalizzazione e presentarla anche nell'importante cornice istituzionale del Parlamento Europeo.
Quali saranno le prossime tappe di Sandy?
Non ci resta che seguire le news sulla pagina ufficiale facebook "Gaeta 2017 European Beach Handball Tour - EBT Finals", sul sito web ufficiale www.ebtfinalsgaeta2017.it e su istagram "@ebtfinalsgaeta".

Presentati in conferenza stampa nella sala Restagno del comune di Cassino la seconda edizione dei campionati individuali di marcia e “diversamente in marcia” che si svolgeranno domenica 26 marzo per le vie del centro. L’iniziativa è patrocinato dal comune di Cassino, presente alla conferenza stampa con il sindaco D’Alessandro, nonché dall’Università di Cassino e dal centro Universitario Sportivo che ha presenziato con il rettore Giovanni Betta e con il presidente del Cus Carmine Calce. L’evento è organizzato dalla Fidal, l’Asd Kronos Roma e l’associazione “Sport No frontiere”, presieduta dall’attivista Valeria Santini che ha organizzato l’iniziativa nei minimi dettagli. Prima che gli illustri relatori salissero in cattedra a tenere la scena è stato il regista, di fama nazionale ed internazionale, Marco di Stefano accompagnato dai disabili dei Centro Universitario Teatrale diretto dall'attore Giorgio Mennoia, e ciò nella prospettiva di realizzazione a Cassino il Teatro della Comunità, forma teatrale ideata dall'attore Di Stefano e finalizzata alla partecipazione, in veste di attori protagonisti, di ogni cittadino che, con la propria particolarità e diversità, contribuisce alla ideazione di uno spettacolo da rappresentare in teatro. “In tal modo – hanno spiegato gli organizzatori - da un lato, si favorisce un percorso di integrazione del disabile nel tessuto sociale e, dall'altro, si avvicina il cittadino alle difficoltà del quotidiano vivere del disabile medesimo sensibilizzandolo a guardare e vivere con gli occhi di chi non può o non riesce”.  Un progetto, dunque, che non poteva non trovare il sostegno del Cus Cassino che con il presidente Carmine Calce ha argomentato: “La nostra presenza non poteva mancare. Da anni il Cus è impegnato, oltre che sul versante prettamente sportivo e agonistico con i campionati universitari, anche e soprattutto sul versante sociale con le tante iniziative che organizziamo in città a partire dalla maratona in carcere alle tante iniziative con la comunità Exodus, quindi non potevamo essere assenti a questa nobile iniziativa promossa dai nostri amici. Siamo molto credibili – ha chiosato in sintonia con D’Alessandro e Betta - come comune e come università, perché abbiamo la forza di aggregare. Tra un mese, il 25 aprile, come Cus organizziamo la ventisettesima edizione della maratona di primavera: la nostra sinergia con il territorio è reale e vogliamo rafforzarla sempre di più”.

Ancora una volta i tedofori del Centro Universitario Sportivo della città di Cassino hanno fatto brillare la fiaccola benedettina in piazza De Gasperi. Quest’anno sono stati oltre 150 i tedofori del Cus impegnati nella manifestazione: non solo studenti di Cassino, non solo universitari italiani:  portare la fiaccola in giro per le strade della città martire sono stati tanti giovani Erasmus provenienti da diversi Paesi e che frequentano l’ateneo di Cassino. In massa, dalle residenze del Campus al centro cittadino hanno sfilato per le strade insieme al corteo storico, domenica sera, regalando un colpo di scena sensazionale come non si era mai visto nelle precendenti edizioni. “Abbiamo voluto organizzare al meglio questa iniziativa per ribadire la nostra sensibilità a questi eventi. Per sottolineare ancora una volta che lo il Cus non è solo sport e che la nostra realtà del Campus è bene integrata con la città” ha spiegato il presidente del Centro Universitario Sportivo, professore Carmine Calce, che per ha sfilato in corteo insieme ai tanti studenti del collage e del progetto Erasmus indiani e pakistani portando la fiaccola. “Un ringraziamento particolare – ha chiosato - va alla professoressa Falese Lavinia per l’impegno profuso”. E l’impegno del Cus per la città di Cassino, e soprattutto per la comunità di Norcia – che domenica insieme anche ai ragazzi di Subiaco ha sfilato in città – non finisce qui. Tra poco più di un mese, difatti, è in programma la ventisettesima edizione della maratona di Primavera, come sempre il 25 aprile. Ma quest’anno la manifestazione assume un valore particolare. A spiegare il perché è il professore Carmine Calce al termine dell’accensione della fiaccola benedettina che quest’anno è stata fatta brillare dall’atleta Francesca Marotta che tante soddisfazioni e medaglie in ogni competizione regala al Cus Cassino. Annuncia il professore Calce: “Quest'anno la tradizionale maratona di Primavera del 25 aprile organizzata come sempre dal Centro Universitario Sportivo sarà un omaggio ai cugini della città benedettina, gemellata con Cassino, e che nei mesi scorsi è stata duramente colpita dal sisma. Ospiteremo alcune famiglie terremotate che parteciperanno alla gara e porteranno la loro testimonianza e una parte del ricavato della giornata andrà in beneficenza a Norcia. Dunque, visto che ogni anno partecipano circa 5.000 persona con una quota minima di 5 euro, Cassino si prepara a dare un altro, ulteriore contributo dopo il concerto di beneficenza organizzato lo scorso 22 dicembre organizzato dall’amministrazione comunale”. E, proprio in sinergia con il Comune, si pensa a mettere in campo una serie di iniziative collaterali alla maratona, prima del 25 aprile, sempre con lo scopo di aiutare la città di Norcia che potrebbe essere presente alla gara con il primo cittadino.

View the embedded image gallery online at:
http://www.cuscassino.it/cus-new/eventi#sigProIdc50e49e8d8

foto prima edizione diversamente in marcia“Diversamente in marcia”: si svolgeranno domenica prossima, 26 marzo, i campionati individuali di italiani nella città di Cassino. L’evento, organizzato dalla Fidal, l’Asd Kronos Roma e l’associazione “Sport No frontiere” vede anche la collaborazione del Cus Cassino in quanto da sempre sensibile ai temi sociali. Pertanto il presidente del Centro Universitario Sportivo, professor Carmine Calce, mercoledì alle ore 16 presso la sala Restagno del Comune di Cassino parteciperà alla presentazione dei campionati individuali di marcia-gara internazioanle IAAF. Tra gli altri, interverranno: il sindaco D’Alessandro, il rettore dell’Unicas Betta, il suo delegato allo sport Daniele Masala, Valeria Santini presidente di “Sport No Frontiere” e Alberto Villa presidente Asd Kronor Roma. Testimonial della seconda edizione dei “diversamente in marcia” è l’attore e regista Marco Di Stefano. Spiegano gli organizzatori in una nota: “Marco di Stefano sarà accompagnato dai disabili dei Centro Universitario Teatrale diretto dall'attore Giorgio Mennoia, e ciò nella prospettiva di realizzazione a Cassino il Teatro della Comunità, forma teatrale ideata dall'attore Di Stefano e finalizzata alla partecipazione, in veste di attori protagonisti, di ogni cittadino che, con la propria particolarità e diversità, contribuisce alla ideazione di uno spettacolo da rappresentare in teatro. Durante la conferenza stampa verrà presentato un percorso teatrale cui possano partecipare tutti i cittadini. Il Teatro della Comunità, ha proprio lo scopo di portare in scena la polis, la piazza, la storia della comunità, non occorre essere attori per partecipare, è uno spettacolo animato dalle persone comuni aperto a tutti. La collaborazione con le associazioni dei disabili è fondamentale divenendo proprio i portatori di diverse abilità la "guida" per i cittadini - artisti a ruoli ribaltati. In tal modo, da un lato, si favorisce un percorso di integrazione del disabile nel tessuto sociale e, dall'altro, si avvicina il cittadino alle difficoltà del quotidiano vivere del disabile medesimo sensibilizzandolo a guardare e vivere con gli occhi di chi non può o non riesce”. Un progetto, dunque, che non poteva non trovare il sostegno del Cus Cassino che con il presidente Carmine Calce argomenta: “La nostra presenza non poteva mancare. Da anni il Cus è impegnato, oltre che sul versante prettamente sportivo e agonistico con i campionati universitari, anche e soprattutto sul versante sociale con le tante iniziative che organizziamo in città a partire dalla maratona in carcere alle tante iniziative con la comunità Exodus, quindi non potevamo essere assenti a questa nobile iniziativa promossa dai nostri amici”.

I campionati nazionali universitari si avvicinano e il Cus Cassino viaggia a gran velocità. Quest’anno le fasi finali dei Cnu – che Cassino ha ospitato nel 2013 e che intende bissare nel 2020 – si disputeranno a Catania e la compagine del professor Carmine Calce intende portare a casa un bel po’ di medaglie. A far ben sperare sono soprattutto le formazioni di volley femminile e calcio a cinque maschile che viaggiano a tutta velocità verso Catania. Per quanto riguarda la pallavolo le ragazze di Carmine Calce nella giornata di martedì hanno battuto 3 a 2 il Cus Foro Italico mentre i ragazzi del calcio a cinque hanno espugnato Tor Vergata con un risultato tennistico: 1 a 7. Nelle fase preliminari dei Cni, insomma, queste due squadre stanno ottenendo ottimi risultati: sempre nel calcio a 5 il Cus Cassino la scorsa settimana era riuscito a strappare un pareggio d’oro con il corsaro Siena. “I miei complimenti vanno a entrambe le squadre”, commenta con entusiasmo il professor Carmine Calce che punta molto su queste due formazioni per i Cnu di Catania. Per la formazione di calcio a cinque sono scesi in campo: Francesco Di Fonzo, Matteo Pannozzo, Daniele Fusco, Diego Polselli, Alessandro Mercone, Alessio Patriarca, Mattia Izzo, Simone Cretella e Mariano Carcatella. Queste invece le "eroine" del volley femminile: Ilaria Pagliaroli, Noemi Pantano, Alessia De Luca, Martina Cancelli, Jola Dakas, Sara Marini, Chiara Ottaviani, Martina Tedeschi, Vanessa Massaro e Ilaria D'Annunzio. Intanto in questi giorni il Cus Cassino è impegnato anche con l’accensione della fiaccola benedettina che i tedofori del Centro Universitario Sportivo faranno brillare a Bruxelles, nella sede del Parlamento Europeo. Da mercoledì 8 marzo a sabato 11 la Fiaccola farà tappa in Belgio, a Bruxelles, capitale amministrativa d’Europa, dove sarà accolta dal Presidente del Parlamento Europeo; poi farà tappa al Governo Belga e dal Municipio di Bruxelles. “Porteremo la fiaccola benedettina nel cuore dell’Europa sia dal punto di vista geografico che istituzionale. – ha detto il Sindaco di Cassino Carlo Maria D’Alessandro - Saranno dei momenti intensi anche perché insieme ai Sindaci di Norcia e Subiaco sottoscriveremo il patto di fratellanza che ci legherà per gli anni a venire. Non esistono steccati, frontiere, ma solo tre entità unite nel nome del fondatore della Regola, nato in una splendida città che dovrà risorgere dalle macerie, ma che non sarà mai sola. Avremo l’onore di ufficializzare il patto di gemellaggio dinanzi al Presidente del Parlamento Europeo, l’amico Antonio Tajani che controfirmerà anche lui la carta che unirà la città di Cassino a Norcia e Subiaco”. “Quest’anno è stato scelto il ‘cuore’ dell’Europa perché nel 2017 il Marzo Benedettino coincide con il 60esimo anniversario dei Trattati di Roma”, spiega il presidente del Cus Carmine Calce che con i suoi tedofori provvederà all’accensione della fiaccola come ormai da tradizione consolidata.

footer def